Come comportarsi in un colloquio di lavoro.

Quando ci si trova di fronte a un processo di selezione, è comune che non si sappia quale sia il modo migliore di procedere durante un colloquio di lavoro.

A seconda della posizione e dell’azienda, la personalità, il controllo emotivo, la fiducia in se stessi e la sicurezza dell’intervistato sono spesso ancora più importanti del currículum o dell’esperienza precedente.

Quando siamo in un colloquio, il reclutatore guarderà ogni nostro gesto, dal modo in cui salutiamo, dallo sguardo, dal nervosismo quando parliamo, anche la posizione in cui ti siedi.

Guida su come comportarsi in un colloquio

In questo articolo, in un’intervista, vi spiegheremo in dettaglio tutto ciò che dovete sapere su come comportarvi in un’intervista.

Comunicazione verbale

Uno dei punti più importanti e difficili da padroneggiare è la comunicazione, poiché è influenzata dai nervi o dalle domande che ci possono essere poste durante il colloquio, tuttavia, è uno degli aspetti più importanti per superare con successo un processo di selezione.

Suggerimenti per migliorare la comunicazione in un colloquio:

  • Quando vi rivolgete per la prima volta all’intervistatore, stringetevi la mano, presentatevi e siate interessati al suo nome, non usate mai il nome di battesimo, parlate sempre con un tono educato e lasciate che la conversazione fluisca in modo naturale.
  • I primi minuti della conversazione sono perfetti per rompere il ghiaccio, approfittatene per parlare di quanto vi piace l’azienda, di quanto siete interessati alla posizione (senza mostrare disperazione), raccontategli di qualcuno che conoscete già che lavora lì, se è il caso, o della vostra conoscenza del settore, purché ce l’abbiate.
  • Mantenete il tono di voce abbastanza alto perché l’intervistatore possa sentirvi, parlare con un tono molto basso denota una chiara insicurezza e nervosismo, cosa che non vogliamo trasmettere in nessun caso.
  • Esprimersi con totale naturalezza senza volgarità, evitare le parolacce, ma non sembrare un robot o eccessivamente educato, ricordare che l’intervistatore è una persona normale e se la conversazione lo fa sentire a suo agio è meglio per entrambi.
  • In nessun caso si usano monosillabi per rispondere, è molto comune che durante il processo di selezione le persone si innervosiscano e rispondano con un “sì” a domande come: Hai esperienza in questa posizione? Cogliete l’occasione per parlare di quanto potete contribuire in questa posizione, sviluppare le vostre risposte.
  • Inserite nei vostri interventi parole che trasmettano all’intervistatore valori positivi, come “impegno, rispetto, progetti per il futuro in azienda, crescita personale e professionale, sfide o iniziativa”.
  • Non siate più loquaci, molte volte tendiamo ad essere troppo sciolti, anche interrompendo l’intervistatore, misurate bene i vostri interventi, parlate e sviluppate fintanto che conoscete l’argomento, siate chiari e diretti, rispettosi e sicuri, non cercate mai di monopolizzare i riflettori, dovete lasciare che l’intervistatore faccia il suo lavoro.
  • Preparate bene i vostri difetti, dovete avere ben chiaro cosa dire per evidenziare i vostri punti di forza e soprattutto, avere un buon argomento che minimizzi ciascuno dei punti deboli.
  • Evitate di usare un linguaggio più colto o tecnico di quello che siete in grado di controllare, questo può farvi trasmettere un’immagine di superiorità o anche un’immagine negativa in caso di utilizzo di parole molto complesse.
  • Mantenete sempre vivo l’interesse del reclutatore, discutendo bene le vostre risposte, interagendo e facendo anche domande sulla vostra posizione e sull’azienda, in questo modo farete in modo che la conversazione fluisca in modo naturale.

 

Suggerimenti su come comportarsi in un colloquio

La prima chiave è che non si deve mai avere paura di interagire, si possono e si devono fare domande, sviluppare le risposte con calma e cercare di esprimere in ogni momento il proprio desiderio di entrare a far parte della posizione e il valore che si può portare.

Puoi chiedere senza timore, mostrare interesse per l’azienda, sulla possibilità di una promozione a lungo termine, sulle pietre miliari, persino chiedergli cosa pensa di te e del tuo profilo, questo trasmette una grande fiducia in te stesso.

D’altra parte, la seconda chiave è quella di evitare ad ogni costo scomodi silenzi, preparare molto bene le possibili risposte, memorizzare il proprio curriculum e il percorso di carriera, raccogliere tutte le informazioni necessarie sulle funzioni e la posizione e non rifiutarsi mai, in nessun caso, di rispondere a una domanda.

Nel caso in cui non vogliate rispondere a una domanda scomoda o troppo personale, non rifiutate, ma sostenete semplicemente che non ritenete rilevante dare una risposta e perché.

 

Comunicazione non verbale e comportamento in un’intervista

Nella prima parte di questo articolo abbiamo parlato dell’importanza di una buona comunicazione tra l’intervistatore e l’intervistato, ma non possiamo tralasciare l’aspetto non verbale. Ogni gesto trasmette informazioni al nostro reclutatore ed è importante osservare il linguaggio del corpo, o almeno sapere le cose da evitare in un colloquio di lavoro per non dare un’impressione negativa.

 

Suggerimenti per migliorare il linguaggio del corpo:

  • Evitate di stringere troppo la mano, questo può trasmettere nervosismo, ansia, disperazione e un basso controllo delle emozioni. D’altra parte, evitate di stringere la mano con troppa riluttanza, perché ciò trasmetterebbe insicurezza. Potete esercitarla con un amico o un familiare, e farlo con naturalezza, con fermezza, senza ulteriori indugi.
  • Guardate il vostro intervistatore negli occhi, prestate attenzione, nel caso in cui dobbiate pensare a una risposta o l’intervista aumenti il livello di intensità, potete deviare lo sguardo verso qualche oggetto del tavolo o dell’ufficio stesso, non dovreste mai guardare l’ora, né nel vostro orologio né in un orologio da parete se è nella stanza.
  • Mantieni un atteggiamento positivo, sorridi e comunica che sei felice di avere l’opportunità di essere intervistato, senza forzarla o sembrare un robot. Evidenziate il vostro sorriso, soprattutto quando salutate e salutate. Un sorriso genera sempre positività e fa una buona impressione.
  • Sedetevi in modo educato, e prendete una posizione eretta ma comoda, che non sia forzata e soprattutto che vi permetta di rimanere rilassati, evitare posizioni scomode come sdraiarsi troppo sulla schiena o aprire troppo le gambe.
    Gesticolate con le mani mentre parlate, senza essere eccessivi, evitate di appoggiarvi al tavolo, di mordervi le unghie o di stringere i pugni.
  • Toccarsi eccessivamente i capelli, grattarsi, fare rumore o toccare costantemente la sedia, il tavolo o il pavimento può trasmettere una sensazione di nervosismo negativo.
  • Spegnete sempre il cellulare prima di entrare nella stanza, nel caso non l’abbiate fatto. In nessun caso dovete rispondere a una chiamata o a un messaggio mentre siete intervistati o dare l’impressione che vi importi molto poco del colloquio.
  • Prenditi cura del tuo aspetto fisico, dei vestiti e dell’acconciatura.
  • Non entrate con una gomma o una caramella in bocca, state masticando mentre parlate, è un atto di maleducazione e una totale mancanza di rispetto.

Altri consigli su come comportarsi

Ricordate che se arrivate al colloquio ben preparati, trasmettete fiducia, gioia, voglia di lavorare e di comportarvi in modo educato, avete molti più punti in più per essere il candidato che finisce per occupare la posizione offerta.

Non lasciate mai l’intervista senza salutare il vostro intervistatore, ringraziatelo per il tempo che vi ha dedicato, sorridete, mostrate fiducia in voi stessi e trasmettetegli che siete soddisfatti dell’intervista che avete fatto.

Prima di partire, potete chiedere il suo indirizzo e-mail o la sua carta di contatto, non chiedetegli il suo numero di telefono in quanto è più personale, a meno che non ve lo offra lui.

Ricordati di inviare una lettera di ringraziamento alla sua e-mail nei giorni successivi al colloquio.

 

Altri consigli interessanti:

Fare un colloquio di lavoro

Le migliori risposte per un colloquio di lavoro

Come superare un colloquio di lavoro

Come vestirsi per un colloquio di lavoro

Colloquio di lavoro in inglese